loading...

“Lo so che perderò il posto di lavoro ma basta tacere, si muovono ancora e io non ce la faccio più!”La più grande denuncia del 2016

La fine all’omertà su questo squallido argomento ha una data, in realtà ha anche un nome adesso. Lui si chiama Mauricio e nel mese di Novembre del 2016 ha deciso di dire basta allo scempio che noi in realtà già conoscevamo come “la strage dei mai nati”.


Loro sono i figli di quelle mucche che vengono macellate nei mattatoi, l’operaio deve aprire con il coltello il ventre della madre gravida e quando il piccolo cade a terra lo trascinano allo scarto. Mauricio ha una coscienza che va oltre il posto di lavoro e decide di filmare il tutto e chiedere aiuto:


“So che perderò il posto ma in realtà lo spero, io o chi come me deve gettare il vitello tra i rifiuti pieni di m….. A volte si muove, come se fosse vivo. Lo facciamo tutti i giorni, almeno cinquanta volte a settimana. In nome di Dio, come si fa ad ucciderli? Delle vacche incinta e dei vitelli che stanno per nascere!”




La pratica è legale, avete capito bene, legale! A seconda della maturità del vitellino si decide se buttarlo direttamente nel tritarifiuti, oppure spellarlo ancora vivo per vendere la pelle per l’abbigliamento. Mauricio ha filmato tutta la macabra procedura, riprendendo anche la parte mostruosa del corridoio della morte. Cioè dove le povere bestie, circa 1500 a settimana, riflettete sul numero, vengono spinte con forconi verso la pistola che li stordirà, purtroppo molti colpi vanno a vuoto e l’animale, per la fretta della produzione, gli verrà tagliata la gola ancora vivo.


Gli animali capiscono cosa sta succedendo, per questo non camminano, sentono i lamenti agonizzanti e vedono il sangue dei loro figli e fratelli. Alcuni stati europei come la Svezia e la Danimarca hanno chiesto, dopo una ribellione di massa che vengano irrigidite le regole della macellazione. I mattatoi sono veri luoghi di tortura, conta solo la produzione e Mauricio ha fatto qualcosa di grande, non verrà dimenticato da molte persone che amano gli animali e che si battono per la loro dignità dalla vita nell’allevamento alla morte per decisione della bestia che è l’uomo. In molti continuano a dire che non vogliono sapere quello arriva sulle loro tavole ma ignorare una realtà non fa venir meno la sofferenza che si cela dietro di essa. Un grazie da parte nostra a quest’uomo che ha deciso di denunciare e un grazie a te che ritenendo orrenda questa pratica condividerai con i tuoi amici, succede anche vicino a te!

1 commento:

Anonimo ha detto...

Questo pianeta del sistema solare è fermo alla preistoria... l'evoluzione coscienziale è praticamente ferma allo stadio di immaturità,per quel che concerne il tipo d'alimentazione...ogni tempo arriva e con esso arriverà il tempo della compensazione degli errori e degli orrori perpetuati con l'alimentazione carnea..

SEGUITECI SU FACEBOOK!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...