Grecia ultime notizie: la Troika si mangia tutto, 52 miliardi di privatizzazioni

Grecia ultime notizie
86 miliardi dal MES (il cosiddetto “Fondo Salva-Stati”) alla Grecia, in cambio di 52 miliardi di asset greci “da privatizzare per realizzare profitti, abbattere il debito
e ricapitalizzare le banche”.
Questo l’accordo siglato dopo una riunione-fiume di 17 ore all’EuroSummit.
La news è stata lanciata dal premier del Belgio, Charles Michel, attraversoTwitter. Un’unica parola: “Accordo”.
La Troika insomma si mangia tutto: non solo le riforme, non solo l’imposizione alla Grecia di svendere beni pubblici per 52 miliardi, ma anche il siluro lanciato contro il governo Tsipras, con la pretesa di trapiantare in Grecia un governo tecnico di “unità nazionale”.
“Entro mercoledì devono essere adottate le misure indicate nell’accordo, prima che noi possiamo sottoporre la cosa ai nostri parlamenti”, ha tuonato la cancelliera tedesca Angela Merkel.

86 miliardi di “aiuti” in cambio delle riforme e della svendita per 52 miliardi di beni pubblici greci

La breaking news di Michel è stata confermata a pochi minuti di distanza da Donald Tusk, presidente del Consiglio Ue, sempre su Twitter: “L’Eurosummit ha raggiunto unanimemente un accordo. Tutti pronti per il programma Esm per la Grecia con riforme serie e sostegno finanziario”.
“Abbiamo raggiunto un ‘Greekment” – ha poi aggiunto in conferenza stampa Tusk, insieme al presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker e al presidente dell’EurogruppoJeroen Dijsselbloem – ma lo abbiamo fatto a condizioni molto severe da rispettare, ma la decisione dà alla Grecia la possibilità di rimettersi in carreggiata e evita le conseguenze economiche negative che ci sarebbero potuto essere in caso di fallimento del negoziati. Un accordo che consente ripristinare la fiducia tra Atene i partner dell’Eurozona”.

la Troika vuol tutto (democrazia compresa)

Juncker, presidente della Commissione Ue, ha ribadito: “La Grexit non ci sarà, pacchetto di aiuti alla Grecia è stato accettato dall’Eurogruppo”. “Sarà istituito un fondo in cui far confluire asset greci per 52 miliardi e sarà basato in Grecia”, ha sottolineato Dijsselbloem, e “privatizzerà asset di Stato per realizzare profitti, e servirà ad abbattere il debito e alla ricapitalizzazione delle banche, cui andranno 25 miliardi”.
Concludendo, la Troika sta pretendendo che la Grecia in tre giorni sforni una riforma delle pensioni, dell’Iva, persino del codice civile, tornando anche fisicamente ad Atene per “il monitoraggio del programma”.
Haircut? Ristrutturazione del debito? Neanche a parlarne. E Varoufakis era stato chiaro, dicendo che, piuttosto che accettare un accordo che non preveda la ristrutturazione del debito, si sarebbe tagliato il braccio.
Ma alla Troika non basta il braccio della Grecia: la Troika vuole mangiarsi tutto.
SEGUICI SU FACEBOOK!!!

Nessun commento:

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...