loading...

BONO DEGLI U2 SUPPORTA LA MONSANTO PER INONDARE L'AGRICOLTURA AFRICANA DI OGM

Bono ed Obama
DI JONATHAN BENSON
Mentre la sua carriera musicale continua la caduta libera nella totale irrilevanza, la pop star "Bono" degli U2 ha annunciato il suo appoggio a un programma sostenuto dagli Usa
per saccheggiare l'Africa rubando le sue terre e i suoi sistemi agricoli per poi sostituirli con gli OGM (organismi geneticamente modificati) e con i pesticidi.
Al recente vertice del G8 tenutosi a Camp David nel Maryland, il regime di Obama ha incontrato i leader del settore privato per annunciare il lancio della "Nuova Alleanza per la nutrizione e la sicurezza alimentare", una malcelata Rivoluzione Verde 2.0 che mira a sradicare il sistema Africano di coltivazione autonoma basata sul lavoro del nucleo famigliare per sostituirlo con i sistemi tossici della monocoltura controllati da multinazionali come la Monsanto.

Bono U2 con Soros 
Il piano ha un titolo ingannevole come fa notare il giornalista investigativo Rady Ananda: "il termine monocultura è un eufemismo, le colture geneticamente modificate e i prodotti chimici tossici sono volti a rendere schiavi delle multinazionali, tramite il debito, gli agricoltori poveri, nel contempo contribuendo a distrugge l'ecosfera per fare profitti". Lo schema segue il solito copione: tutti quelli poveri gli africani hanno bisogno di società americane per prendere il controllo delle loro vite in modo che possano essere sane e prosperose.
Si tratta di un mantra stanco che, dopo uno sguardo più attento, è facilmente riconducibile a una farsa completa atta sia a sfruttare la vulnerabilità dei contadini per ottenere profitti osceni sia a prendere possesso del mercato agricolo locale e quindi dell'approvvigionamento di cibo. A quanto pare Bono crede che questo programma evidentemente diabolico sia una cosa buona e, in effetti, lo è almeno per gli interessi americani che stanno iniziando a strisciare in Africa con il pretesto di aiutare i poveri.
"Sono i futuri consumatori per gli Stati Uniti", ha dichiarato Bono durante un'intervista del 2012 con Andrea Mitchell di MSNBC, riferendosi alle popolazioni dell'Africa che devono ancora essere assimilate nel sistema della bestia. "Il presidente sta parlando di affari. Questo è una cosa buona. Si tratta di oggi un intero nuovo paradigma di sviluppo. Il vecchio rapporto donatore / ricevente ... è finito. "
Bono e Bill Gates
L’Africa dice NO al genocidio agricolo rifilato dagli Stati Uniti
L'Africa è stata a lungo un obiettivo dello sfruttamento perverso americano (US), con la sua ricca varietà di minerali, gemme e metalli preziosi, alias un sacco di dollari per le golose mega-multinazionali. E 'naturale, quindi, che questo desiderio insaziabile di lucro schifoso si estenda anche al cibo e all'agricoltura come ha già negli Stati Uniti, dove gli OGM e la monocoltura industriale dominano.
Non importa che il popolo africano sia fermamente contrario ad avere il proprio patrimonio agricolo rubato dagli interessi degli Stati Uniti. Le organizzazioni della società civile africana recentemente hanno dichiarato in merito ai cosiddetti "partenariati pubblico-privato" che questi sono volti all’eliminazione della sovranità africana e del suo approvvigionamento alimentare:
"Chiediamo che: i governi, la FAO, il G8, la Banca Mondiale e il GAFSP [Global Agriculture and Food Security Program] riconsiderino la loro promozione del partenariato pubblico / privato che, così come è ora concepito, non rappresenta uno strumento adeguato a sostenere la aziende a conduzione familiare che rappresentano la base fondamentale della sicurezza e della sovranità alimentare dell'Africa".
Non c'è davvero nessun’altra interpretazione: l'Africa chiede che gli USA ei loro padroni delle multinazionali rimangano fuori della loro terra. La prima rivoluzione verde è stata un fallimento assoluto e questa seconda sarà ancora peggiore. Nulla del piano porterà benefici agli agricoltori locali o ai cittadini dell'Africa - è tutto per arricchire le multinazionali con il pretesto degli aiuti umanitari.
Tutti questi sistemi, come spiega un rapporto di Volatility sull’agricoltura industrializzata delle corporation, sono molto fragili, vulnerabili, non sono né robusti né resilienti: “Sono tutti destinati al collasso. La monocultura ermetica, così come l'agricoltura industriale, è un grande fiore da serra, che richiede condizioni perfette per sopravvivere”.
14.01.2015
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di Chachorro Quente
Fonti:

Nessun commento:

SEGUITECI SU FACEBOOK!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...