loading...

Sardegna: scoperti resti di ossa di giganti,notizia occultata dai media!

Sensazionale Scoperta resti di Gigante in Sardegna A dispetto della stampa, locale e nazionale,che non ne ha parlato, qua in Sardegna si vive un pò di fermento archeoufologico per l'uscita del libro intitolato(+ o -): "GIGANTI DI SARDEGNA, FIGLI DELLE STELLE" di Luigi Muscas.
Il tutto è stato scoperto nei vari decenni a Pauli Arbarei. Non uno o due testimoni....ma centinaia di abitanti dei vari paesi del medio Campidano. Le leggende narrano di un popolo progredito, che viveva in una città con 10000 dame, 10000 guerrieri, 10 re e 1200 navi. La Sardegna intera è ricca, strapiena di tombe nuragiche dette: "tombe dei giganti". Ma perchè chiamarle in quel modo? Ecco la scoperta! Nei vari anni, le varie Sopraintendenze all'Archeologìa, con l'aiuto di lestofanti operai, hanno fatto sparire chissà dove questi scheletri. Udite udite...avevano un altezza che variava dai 2 metri e mezzo anche ai 7 metri! Solo di recente è stato confermato, in maniera anonima, da operai della Sopraintendenza di Cagliari che i "capi" hanno fatto sparire questi giganti. Giganti di cui si parla spesso anche nella Bibbia. Centinaia di abitanti di Pauli Arbarei, vedendo che ad ogni ritrovamento di scheletri così grandi, arrivavano i "men i black dell'archeologìa", hanno iniziato a nascondere in terreni privati tutti questi giganti. Le famigli che possiedono poi vari pezzi d'ossa gigantesche, non si contano. E quando piove, in tutto il territorio di Pauli Arbarei, affiorano ossa a non finire. Questi popoli di giganti, che sono poi gli stessi costruttori dei nuraghi, adoravano la luna attraverso il suo riflesso nelle coppelle...concavità rocciose ove era posta dell'acqua...ed in particolari momenti, la luna andava a specchiarsi là dentro...questo culto, vivo da 12000 anni, è stato stroncato dalle diocesi sarde nel 1950...quando ancora tutti lo praticavano. Ma ora sentite...pare che le stelle si muovano da secoli a Pauli Arbarei. Ci sono foto e testimonianze della caduta e movimento delle stelle. Gli abitanti le chiamano così....ma dalle foto si vede che sono dei globi di luce, lampi, in una foto ho intravisto un vero e proprio UFO luminoso. Sino agli anni Settanta era presente una piattaforma circolare in pietra, del periodo nuragico...ove si diceva scendessero le stelle. Contatti ancestrali con UFO? Non saprei. Sono state invitate da tutta la popolazione le autorità competenti. Archeologi, Ministero dei Beni Culturali, scienziati, astronomi...nessuno ha risposto alla chiamata. Anche dietro la promessa di esumare questi giganti nascosti davanti ad un grande pubblico, gli archeologi ufficiali non si sono fatti sentire. Le prove sono tante. Presto mi recherò in quel di Pauli Arbarei per vedere da vicino il tutto. La Sardegna riavrà la dignità che merita...e che è scomoda. fonte: mondomisterioso.com

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi stavo rileggendo la storia naturale di Plinio, a volte le fonti antiche oltre ad essere incredibilmente precise sono le più attendibili: già nell'antichità erano stati ritrovati ossa umane gigantesche.

Anonimo ha detto...

Ecco la citazione libro VII Antropologia: "In Creta terrae moto rupto monte inventum est corpusstans XLVI cubitorum, quod alii Orionis, alii Oti esse tradunt.."
A Creta essendosi squarciato un monte a seguito di un terremoto, fu scoperto un corpo in posizione eretta, alto 46 cubiti (20 metri!), che per alcuni era il corpo di Orione per altri quello di Oto (giganti leggendari citati da Omero).
Secondo gli scrittori il corpo di Oreste, disseppelito per ordsine dell'oracolo, era alto 7 cubiti (cioè 3,10 metri).
Invero già un migliaio di anni fà Omero si lamentava che i corpi degli uomini fossero più piccoli dei corpi degli antichi...
L'uomo più alto dell'antichità era un certo Gabbara alto 2,88 metri.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...