Somalia – 258.000 morti per fame La metà bambini sotto i 5 anni


NAIROBI / WASHINGTON - Un nuovo studio stima che la carestia e la grave insicurezza alimentare in Somalia hanno ucciso circa 258.000 persone tra ottobre del 2010 e aprile del 2012, tra cui 133.000 bambini sotto i 5 anni.


Congiuntamente finanziato e commissionato dalle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO),
la sicurezza alimentare e la nutrizione Unità di Analisi per la Somalia (FSNAU) e l’USAID-finanziato Famine Early Warning Systems Network (FEWS NET), lo studio è la prima stima scientifica del bilancio delle vittime dell’emergenza sicurezza alimentare :

Si stima che il 4,6 per cento della popolazione totale e il 10 per cento dei bambini sotto i 5 anni sono morti in Somalia meridionale e centrale.
Lower Shabelle, Mogadiscio, e Bay sono state le aree più colpite, con una mortalità infantile al di sotto dei  5 anni rispettivamente nella misura di circa il 18 per cento, 17 per cento e 13 per cento.
La mortalità ha avuto un’impennata di   circa 30.000 morti in più tra maggio e agosto 2011.
Autori principali dello studio sono stati Francesco Checchi, epidemiologo e docente di igiene e medicina tropicale presso la London School,  Courtland Robinson, demografo e professore assistente presso il Centro per i rifugiati e Disaster Response presso il Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health a Baltimora, nel Maryland.

“Per natura, la stima della mortalità in caso di emergenza è una scienza imprecisa, ma data la quantità e la qualità dei dati che erano disponibili, siamo fiduciosi nella corrispondenza al dato reale emersa dallo studio,” ha dichiarato Chris Hillbruner, Decision Support Advisor per FEWS NET. “Ciò che è avvenuto in Somalia è stata una delle peggiori carestie degli ultimi 25 anni.”

Lo studio si proponeva di quantificare la mortalità attribuibile a grave insicurezza alimentare e fame, analizzando come quando e dove la maggior parte dei decessi si sono verificati. Altre questioni, come ad esempio la risposta umanitaria, non sono stati valutati. Lo studio ha coperto tutta la Somalia centrale e meridionale, le zone più colpite dalla siccità 2010-11, da successivi picchi dei prezzi alimentari di base e dai vincoli in materia di accesso umanitario. La mortalità tra i nuovi rifugiati che arrivano nei campi di Dadaab, in Kenya e Dollo Ado, in Etiopia è stata valutata.

Per prendere l’intero ambito dell’emergenza, lo studio ha considerato un periodo di tempo di 28 mesi, da aprile 2010 al luglio 2012. Tuttavia, le stime di mortalità si riferiscono specificamente a ottobre 2010 ad aprile 2012.

Le cifre sono in aggiunta ai 290.000 morti “base” che si stima si sono verificati nella stessa zona durante lo stesso periodo. Quella linea di base, che comprende le morti legati al conflitto, rappresenta un tasso di mortalità che è due volte più alto della media sub-sahariana.

http://www.lavalledeitempli.net/2013/05/03/somalia-258-000-morti-per-fame-e-insicurezza-alimentare-la-meta-erano-bambini-sotto-i-5-anni/

Nessun commento:

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...